Scopri da chi è composta la giuria della terza edizione di Carapelli for Art

Elisa Del Prete

Imprenditrice della cultura con una laurea in Beni Culturali, lavora da sempre in modo autonomo per portare l'arte a contatto con la società investigando il lavoro di artisti capaci di affermare il proprio segno nell'oggi. Nel 2006 ha fondato a Bologna Nosadella.due, il primo programma di residenza per artisti internazionali in Italia per la produzione di interventi artistici nello spazio pubblico. Dopo dieci anni, ha evoluto il modello di produzione nello spin off NOS Visual Arts Production, fondato assieme a Silvia Litardi come studio di progettazione, produzione e promozione per artisti ed enti che si vogliano confrontare con la realizzazione di opere d’arte ambiziose, programmi espositivi, progettazioni integrate su territori specifici, fuori dagli spazi convenzionali.

Elisa Del Prete

Imprenditrice della cultura con una laurea in Beni Culturali, lavora da sempre in modo autonomo per portare l'arte a contatto con la società investigando il lavoro di artisti capaci di affermare il proprio segno nell'oggi. Nel 2006 ha fondato a Bologna Nosadella.due, il primo programma di residenza per artisti internazionali in Italia per la produzione di interventi artistici nello spazio pubblico. Dopo dieci anni, ha evoluto il modello di produzione nello spin off NOS Visual Arts Production, fondato assieme a Silvia Litardi come studio di progettazione, produzione e promozione per artisti ed enti che si vogliano confrontare con la realizzazione di opere d’arte ambiziose, programmi espositivi, progettazioni integrate su territori specifici, fuori dagli spazi convenzionali.

Matteo Innocenti

Matteo Innocenti è curatore e critico d'arte, docente. Come curatore ha collaborato con musei e istituzioni (tra cui il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, la Galleria dell’Accademia di Firenze, MAD. Murate Art District, Firenze), con spazi no-profit, gallerie private italiane ed estere, residenze d’artista. È tra i fondatori di Estuario project space, presso Officina Giovani (Prato); è inoltre ideatore e direttore dello spazio no-profit La Portineria (Firenze) e curatore delle residenze artistiche Vacant Zone (online) e Vis à Vis Fuoriluogo (Molise). In ambito critico e giornalistico ha scritto e scrive per testate d’arte quali ATP Diary, Artribune, Exibart, Flash Art, oltre che per cataloghi e riviste. Insegna all’interno di corsi accademici e master.

Massimiliano Tonelli

È laureato in Scienze della Comunicazione all’Università di Siena, dal 1999 al 2011 è stato direttore della piattaforma editoriale cartacea e web “Exibart”. Attualmente è direttore editoriale di Artribune, da lui fondato nel 2011, e direttore editoriale di Gambero Rosso. Ha moderato e preso parte come relatore a numerosi convegni, giurie e seminari; ha tenuto docenze presso centri di formazione superiore tra i quali l’Istituto Europeo di Design, l'Università Roma Tor Vergata, la Fondazione Garrone di Genova, la Link Campus University e l’Università La Sapienza di Roma. È stato docente presso il Master of Art della Luiss e presso il Master in comunicazione e giornalismo enogastronomico del Gambero Rosso ed è professore a contratto allo Iulm di Milano dove insegna editoria della cultura.

Ha collaborato con numerose testate tra cui Radio24-Il Sole24 Ore, Time Out, Formiche, Dispensa. Suoi testi sono apparsi in diversi cataloghi d’arte contemporanea e saggi di arte, urbanistica e territorio inclusi i rapporti annuali Civita e Symbola. Dal 2018 è membro del Comitato Scientifico del Festival di Giornalismo Culturale. Nel 2018 è stato premiato come Giornalista Culturale dell’Anno al Premio Ischia.

Massimiliano Tonelli

È laureato in Scienze della Comunicazione all’Università di Siena, dal 1999 al 2011 è stato direttore della piattaforma editoriale cartacea e web “Exibart”. Attualmente è direttore editoriale di Artribune, da lui fondato nel 2011, e direttore editoriale di Gambero Rosso. Ha moderato e preso parte come relatore a numerosi convegni, giurie e seminari; ha tenuto docenze presso centri di formazione superiore tra i quali l’Istituto Europeo di Design, l'Università Roma Tor Vergata, la Fondazione Garrone di Genova, la Link Campus University e l’Università La Sapienza di Roma. È stato docente presso il Master of Art della Luiss e presso il Master in comunicazione e giornalismo enogastronomico del Gambero Rosso ed è professore a contratto allo Iulm di Milano dove insegna editoria della cultura.

Ha collaborato con numerose testate tra cui Radio24-Il Sole24 Ore, Time Out, Formiche, Dispensa. Suoi testi sono apparsi in diversi cataloghi d’arte contemporanea e saggi di arte, urbanistica e territorio inclusi i rapporti annuali Civita e Symbola. Dal 2018 è membro del Comitato Scientifico del Festival di Giornalismo Culturale. Nel 2018 è stato premiato come Giornalista Culturale dell’Anno al Premio Ischia.

Gabriele Tosi

Gabriele Tosi è curatore indipendente e direttore artistico di LOCALEDUE (Bologna), spazio no-profit volto alla sperimentazione e dedicato alla promozione di giovani artisti e curatori. La sua ricerca si concentra sugli aspetti performativi di ogni forma d’arte. Fra le sue ultime mostre le collettive “Distiller” (Gelateria Sogni di Ghiaccio, Futurdome, Milano) e “The Malpighian Layer” (Car DRDE, Bologna) co-curate con Bruno Barsanti. Ha recentemente curato la sezione Art Tracker del Premio Combat.